Il vangelo

Il vangelo

Il credente

L'essere credente secondo la Scrittura è qualcosa di più che identificarsi con una particolare religione o affermare un certo sistema di valori. L'essere credente significa aver abbracciato ciò che la Bibbia dice riguardo Dio, l'umanità e la salvezza attraverso Gesù Cristo. Il credente considera le seguenti verità che si trovano nella Scrittura:

 

Dio è il Creatore Sovrano

Il pensiero contemporaneo dice che l'uomo è il prodotto dell'evoluzione. Ma la Bibbia dice che siamo stati creati da un Dio personale per amare, servire e godere di una comunione infinita con Lui. Il Nuovo Testamento rivela che è stato Gesù stesso a creare tutto (Giovanni 1,3; Colossesi 1,16). Pertanto, anche Lui possiede e governa ogni cosa (Salmo 103:19). Ciò significa che Egli ha autorità sulla nostra vita e che gli dobbiamo assoluta fedeltà, obbedienza e adorazione.

 

Dio è Santo

Dio è assolutamente e perfettamente santo (Isaia 6:3), quindi non può commettere o approvare il male (Giacomo 1:13). Dio richiede la santità anche da noi. Prima Pietro 1:16 dice: "Tu sarai santo, perché io sono santo".

 

L'umanità è peccatrice

Secondo la Scrittura, tutti sono colpevoli di peccato: "Non c'è uomo che non pecca" (1 Re 8:46). Ciò non significa che siamo incapaci di compiere atti di bontà umana. Ma siamo totalmente incapaci di comprendere, amare o piacere a Dio da soli (Romani 3:10-12).

 

Il peccato richiede una pena

La santità e la giustizia di Dio esigono che ogni peccato sia punito con la morte e l'eternità all'inferno (Ezechiele 18:4). Ecco perché cambiare semplicemente i nostri modelli di comportamento non può risolvere il nostro problema del peccato o eliminarne le conseguenze.

 

Gesù è Signore e Salvatore

Come Creatore di tutti e Sovrano di tutti, Gesù Cristo ha autorità sulla nostra vita e gli dobbiamo assoluta fedeltà, obbedienza e adorazione. Romani 10:9 dice: "Se confessate con la vostra bocca Gesù come Signore e credete nel vostro cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarete salvati". Anche se la giustizia di Dio esige la morte per il peccato, il suo amore ha fornito un Salvatore che ha pagato la pena ed è morto per i peccatori (1 Pietro 3:18). La morte di Cristo ha soddisfatto le esigenze della giustizia di Dio e la vita perfetta di Cristo ha soddisfatto le esigenze della santità di Dio (2 Corinzi 5:21), permettendogli così di perdonare e salvare coloro che ripongono la loro fede in Lui (Romani 3:26).

 

Il carattere della salvezza per mezzo della fede

La vera fede è sempre accompagnata dal pentimento dal peccato. Il pentimento è accordarsi con Dio che uno è peccatore, confessando a Lui i propri peccati e facendo una scelta consapevole di voltare le spalle al peccato (Luca 13:3, 5; 1 Tessalonicesi 1:9) e di seguire Cristo (Matteo 11:28-30; Giovanni 17:3) e di obbedire a Lui (1 Giovanni 2:3). Non basta credere a certi fatti su Cristo. Anche Satana e i suoi demoni credono nel vero Dio (Giacomo 2:19), ma non lo amano e non gli obbediscono. La vera fede salvifica risponde sempre in obbedienza (Efesini 2:10).

Ascolta la presentazione del vangelo: